Come generare contenuti UGC creati dagli utenti in modo organico (senza pagare)? 8 strategie alternative

Stai pensando a come creare dei contenuti UGC in modo organico facendo leva sulla forza della tua community? Scopri le migliori strategie per ottenere contenuti unici realizzati interamente dagli utenti, senza dover pagare un solo centesimo.
Come creare UGC
Indice

L’utilizzo dei contenuti UGC all’interno delle strategie di marketing aziendali sta diventando in quest’ultimo periodo una pratica molto in voga che garantisce alle aziende ottimi risultati.

Se da una parte troviamo l’aumento dei tassi di conversione da parte degli utenti, come testimoniato anche in questo articolo, l’altro beneficio fondamentale che possiamo notare è l’acquisizione di autorevolezza e considerazione da parte dei potenziali clienti.

Questo concetto è stato anche approfondito all’interno del nostro articolo relativo a come sfruttare gli User Generate Content nelle campagne a pagamento che ti consigliamo di leggere.

Inoltre l’engagement che generano i video UGC pubblicati sui social e su Youtube è molto più alto rispetto ai contenuti autoreferenziali prodotti in studio per le tradizionali campagne Ads. 

Chiaramente sempre più spesso le aziende si affidano a creator professionisti, denominati anche UGC Creator, anche se questa pratica ha un costo da sostenere e non sempre si possono ottenere ritorni sull’investimento pianificabili scientificamente come nelle tradizionali campagne di advertising.

Per fortuna è anche possibile ottenere dei contenuti generati dagli utenti in modo organico, senza pagare dei creator per la loro produzione. Se stai cercando alcune soluzioni per avere degli User Generated Content in modo gratuito, siamo certi che nelle prossime righe di questo articolo troverai alcuni spunti interessanti relativi alle strategie che potrai sfruttare a tuo favore.

Prima di partire con la generazione degli UGC in modo organico: 3 fattori da considerare

Creazione di UGC online

Sappiamo bene che non vedi l’ora di avere dei contenuti disponibili per essere pubblicati sulle tue pagine aziendali in modo da migliorare la considerazione nei confronti del tuo brand e le conversioni, ma prima di metterti all’opera è molto importante considerare 3 aspetti fondamentali.

Il primo riguarda la pianificazione del loro utilizzo, in quanto dovrai offrire un riscontro alle persone. Questa è infatti una dinamica da non sottovalutare quando pianifichi una campagna per ottenere in modo organico gli UGC per poi utilizzarli come contenuti aziendali.

Da qualche anno, come viene affermato anche in questo interessante documento pubblicato dall’Università di Palermo, le persone hanno una fortissima ambizione a comparire, mettersi in mostra e avere un loro piccolo palcoscenico online. La cultura partecipativa è quindi il secondo fattore che dovresti tenere in considerazione.

Questa è la forte spinta che potrai utilizzare a tuo favore per richiedere degli UGC, in quanto gli utenti non vedono l’ora in molti casi di dare il loro piccolo contributo in favore di un brand che apprezzano.

Tuttavia è anche fondamentale nel momento in cui si richiede la realizzazione di un contenuto avere le idee chiare e saper spiegare come verrà utilizzato, in modo che l’utente possa vedere con i propri occhi lo spazio e la visibilità che gli hai regalato in cambio del suo impegno.

Infine predisponi sempre la richiesta del consenso all’utilizzo sui tuoi canali aziendali: in questo modo potrai evitare di generare malcontento tra gli utenti e fornire loro informazioni specifiche sui fini di utilizzo.

Se le persone a cui chiederai di realizzare un UGC sono molto soddisfatte del tuo brand, magari dei veri e propri fan, questi 3 elementi giocheranno a tuo favore per ottenere un numero molto alto di contenuti.

Il lavoro da fare sui tuoi clienti soddisfatti: le migliori strategie da sfruttare a tuo favore per ottenere recensioni

Per prima cosa, come accennato in precedenza, occorre comprendere che i migliori UGC provengono in modo gratuito ed organico dai tuoi clienti soddisfatti ed entusiasti del loro acquisto.

Nel momento in cui una persona completa un ordine, sia che si tratti di servizi che di prodotti, sarà molto più semplice chiedere una recensione.

Queste ultime sono infatti tra le tipologie di UGC più diffuse e possono essere pubblicate su portali tematici o direttamente sul tuo sito web.

Puoi chiederle in forma scritta, sia che si tratti di siti web o portali aggregatori di valutazioni (come ad esempio Tripadvisor, Trustpilot o Google My Business) che di semplici commenti sotto i tuoi post all’interno di Facebook, Instagram o Youtube.

Le recensioni funzionano ancora meglio quando si tratta di brevi video, come reels e storie dove viene utilizzato il prodotto o dove viene immortalato l’unboxing. Ricorda di farti taggare o di creare un hashtag apposito, in modo da avere sempre a disposizione tali contenuti per la condivisione.

Una volta ottenuto il contenuto, ricordati di ringraziare, chiedere il consenso per il suo utilizzo e dichiarare dove viene pubblicato.

Spesso non basta chiedere una sola volta: le persone sono molto indaffarate e distratte nella loro routine e nello scrolling sui social. Pianifica la richiesta tramite automazioni e follow up via email e whatsapp nei giorni successivi all’acquisto, in modo da ricordare loro di offrire il contributo richiesto.

Un’altra tecnica molto efficace è l’utilizzo dei sondaggi: sebbene non sia un contenuto generato direttamente da un utente singolo, potrai sfruttare i dati raccolti per pubblicare statistiche sulla soddisfazione dei tuoi clienti grazie al voto di più utenti. Per fare questo i social media sono sempre la strada più battuta.

Infine dobbiamo considerare anche due pratiche che spesso vengono trascurate, ma su cui alcune aziende hanno basato il loro successo. Vuoi un esempio di UGC che funziona negli ecommerce? Le recensioni dei prodotti che gli utenti possono lasciare direttamente sul sito all’interno della scheda per l’acquisto.

Se ci fai caso, su Amazon le pagine prodotto sono popolate da recensioni e Q&A generate dagli utenti in modo autonomo che aiutano molto i nuovi clienti nei loro acquisti. Tutto questo è possibile farlo senza spese in advertising e al contempo riuscirai a popolare di contenuti le schede prodotto del tuo ecommerce.

Altra tecnica molto valida è quella relativa ai servizi erogati dai negozi fisici, come ad esempio ristoranti, parrucchieri e attività che vendono prodotti di abbigliamento e simili. Qui non sempre è possibile inviare dei follow up ai clienti, specialmente se non hai un CRM a sostegno del tuo business nel mondo reale. 

In questo caso un’ottima soluzione è l’utilizzo di un QR code che inquadrato con lo smartphone porti l’utente sulla pagina dove potrà lasciare in pochi secondi la sua recensione.

Gli UGC generati a partire dalla community di clienti: come sfruttare gruppi Facebook e canali Telegram

Potresti anche trovarti nella condizione molto fortunata di aver lavorato bene nel tempo e di aver creato una vera e propria community digitale. 

Nel caso in cui abbia a disposizione un gruppo Facebook o un canale Telegram dove i tuoi clienti si ritrovano per confrontarsi sui tuoi prodotti e la loro esperienza, potresti sfruttarli per generare UGC in modo gratuito molto velocemente.

Come fare? Molto semplice: crea un post che generi interazioni spontanee, come ad esempio la richiesta di un commento originale su un tuo prodotto o la condivisione di un’esperienza relativa al suo utilizzo, meglio ancora se con il supplemento di una foto

In questo caso avrai un’ampia copertura e con un post ben progettato otterrai moltissimi contenuti da poter utilizzare nelle tue campagne.

Lo sapevi che anche i tuoi dipendenti sono un’ottima fonte di UGC?

Creazione di UGC online

Proprio così, non sempre è necessario focalizzarsi solamente sulla clientela, specialmente quando devi fare attività di recruiting. Come ben saprai, il mercato del lavoro è diventato molto competitivo negli ultimi 3 anni e non è più così semplice come un tempo trovare collaboratori con annunci gratuiti online.

Esistono inoltre moltissime attività e imprese che pagano poco e male i dipendenti e per questo motivo si nota anche una scarsissima fiducia nei brand quando bisogna candidarsi per un annuncio di lavoro.

In questo caso i tuoi collaboratori e dipendenti possono essere delle fonti preziose di contenuti che potrai utilizzare a tuo favore per incrementare la fiducia dei potenziali candidati nella tua azienda. 

Esistono diversi metodi: dalle video interviste dove possono raccontare la loro esperienza fino a processi di generazione spontanei, come ad esempio foto originali sul luogo di lavoro condite di hashtag e menzione della tua azienda.

Utilizzando questi contenuti nel modo appropriato noterai che la fiducia nella tua azienda crescerà notevolmente e senza aver speso un centesimo.

I concorsi a premi: uno dei metodi più utilizzati per ottenere UGC dai grandi brand che puoi sfruttare anche nella tua azienda

Alcune aziende negli ultimi anni sono diventate famose per i loro concorsi a premi che hanno portato alla generazione di migliaia di UGC. Un esempio molto conosciuto è la campagna messa in atto da Burger King, e oggi ripresa da Mc Donalds, che offriva un premio a tutti gli utenti a patto di compiere un’azione.

Vuoi sapere quale? Immortalarsi a seguito di un tatuaggio (permanente o provvisorio con sticker ed effetti video) raffigurante il logo dell’azienda. Chiunque avesse scattato una foto o fatto un piccolo video con tale tatuaggio sul proprio corpo avrebbe ricevuto un coupon di qualche decina di dollari da utilizzare all’interno del punto vendita.

In questo modo l’azienda ha ottenuto migliaia di contenuti foto e video da poter utilizzare, previo consenso, sui propri canali.

Anche tu potresti fare lo stesso, magari inserendo anche un piccolo contest per premiare i contenuti più originali. In questo modo i tuoi clienti saranno ancora più incentivati nel seguire la tua iniziativa.

Ricorda sempre di essere molto chiaro con le tue indicazioni. Fornisci agli utenti alcuni esempi di contenuti che potrebbero creare, in modo che possano prendere spunto ed evitare di rimanere bloccati per mancanza di idee.

Inoltre sii molto specifico a riguardo del tag, dell’hashtag o della menzione da utilizzare per fare in modo che facciano esattamente ciò di cui ha bisogno il tuo team per monitorare i contenuti sulle pagine aziendali.

Infine non dimenticare di fornire istruzioni precise su come verranno selezionati i vincitori. Potresti anche aumentare la diffusione dei contenuti selezionando i vincitori in base al numero di like e commenti sul contenuto pubblicato dall’utente. Così facendo potrai essere certo di avere una fortissima copertura organica senza spendere in advertising e senza pagare creator professionisti.

Generare organicamente UGC durante un evento: ecco come fare

Per ottenere un gran numero di UGC potresti sfruttare anche un evento aziendale, come ad esempio un ritrovo annuale dei tuoi clienti più affezionati o magari un corso di formazione se operi nel settore.

Durante l’evento è quindi fondamentale creare un’atmosfera che possa generare condivisione di foto, stories e video: le persone non vedono l’ora di postare tali contenuti se riuscirai a creare un buon hype in partenza.

Anche qui è necessario creare un hashtag apposito per l’evento, in modo da raccogliere e monitorare i contenuti sui social, senza dimenticare tag e menzioni.

Alternativa molto efficace è anche quella delle video testimonianze: durante un evento di successo in cui gli ospiti apprezzeranno ciò che metterai a loro disposizione, difficilmente qualcuno si rifiuterà di girare insieme a te un’intervista video che potrai sfruttare all’interno dei tuoi materiali di marketing.

Se desideri sfruttare questa strategia, cerca di prepararti in anticipo con delle domande che portino la persona intervistata a mettere in evidenza i valori della tua azienda e i benefici dei prodotti e servizi che vendi. Anche la loro esperienza personale e la loro percezione nei tuoi confronti saranno delle ottime leve per rendere questi contenuti unici ed autentici.

Crea un contesto dedicato alle persone che vorrebbero mettersi in mostra

Sembra scontato, ma spesso una campagna per l’ottenimento di UGC ha bisogno di spazi digitali appositi nei quali le persone dovranno apparire.

A tal proposito vogliamo prendere in considerazione una celebre campagna di Starbucks, che nel 2014 lanciò la famosa RedCup personalizzabile. Le persone potevano infatti prendere la tazza rossa per l’asporto e immortalarsi sui social dopo averla personalizzata. 

L’azienda di conseguenza chiedeva l’autorizzazione a ricondividere tali contenuti, aumentando in modo esponenziale la percezione dei consumatori nei confronti del proprio brand.

Seguendo questo esempio potrai creare uno spazio apposito sui tuoi social media dove periodicamente a intervalli regolari pubblicherai i contenuti generati dagli utenti, mettendoli in evidenza in una successione logica nel feed o all’interno di una “rubrica” settimanale.

I tuoi clienti più affezionati non vedranno l’ora di comparire e mettersi in mostra e per questo motivo non tarderanno a rispondere ai tuoi follow up per la richiesta di questo tipo di contenuti.

Potresti anche prendere spunto da GoPro e creare uno spazio apposito sul tuo sito web dove ospiterai i contenuti generati dagli utenti. GoPro, famosa azienda produttrice delle fotocamere per utilizzo durante sport d’avventura, ha infatti creato sul proprio sito web una pagina intera dedicata ai video che i propri clienti girano durante le loro attività. 

In questo modo è quindi possibile offrire ai tuoi clienti un luogo di condivisione diverso dai social media dove potranno mettere in mostra le loro gesta e al contempo offrire un contenuto utile ai potenziali acquirenti relativo ai prodotti che vendi.

I programmi basati su incentivi e regali: una delle strategie che funziona ancora oggi per le aziende che vogliono lanciare un nuovo prodotto

Se desideri generare degli UGC e non hai ancora dei clienti in quanto il tuo brand è di recente creazione, oppure stai lanciando un nuovo prodotto sul mercato, regalare qualcosa agli utenti contribuirà in modo notevole ad ottenere dei contenuti.

Un esempio in questo caso può essere quello degli hardware informatici, come ad esempio schede video o processori, degli smartphone o di altri dispositivi tecnologici. Online sono presenti moltissimi canali su Youtube dove gli utenti girano delle video recensioni di prodotti tecnologici e potresti richiedere di creare un contenuto che parli del tuo prodotto a seguito dell’invio gratuito per la prova.

Facendo così la spesa sarà minima rispetto al pagamento di un UGC creator professionista e avrai immediatamente delle persone che genereranno dei contenuti evidenziando i vantaggi e le funzionalità del tuo nuovo prodotto in fase di lancio.

In alternativa potresti creare degli incentivi sottoforma di sconto per aumentare il numero di contenuti prodotti. Un esempio di strategia è quella messa in atto da alcuni ecommerce, come ad esempio Porcobrado, azienda che si sta affermando in Italia tramite la vendita online di box per la preparazione in casa di panini molto gustosi.

Un giorno prima di ricevere la sua box a casa, l’utente riceve una mail con istruzioni chiare di come creare il contenuto (spunti, esempi, informazioni su cosa potrebbe immortalare, formato video o foto…) e come fare in modo che venga notato dall’azienda a seguito della pubblicazione su Instagram o Facebook con relativo tag del brand e hashtag. 

Elemento fondamentale della strategia: nella mail viene inserita l’anticipazione di un piccolo regalo che l’utente otterrà se posterà il contenuto.

Una volta pubblicato, il team di Porcobrado visualizza subito il contenuto e tramite Manychat (puoi anche farlo manualmente se non hai un brand così sviluppato) contatta il cliente per ringraziarlo dell’UGC creato. Come ringraziamento invierà un codice sconto in regalo per un nuovo ordine, che raddoppia nel caso l’utente approvi l’utilizzo del contenuto sui canali aziendali.

A questo punto le strategie da poter implementare nel tuo arsenale di marketing per ottenere UGC in modo gratuito ed organico non ti mancano di certo. Sfruttale a tuo favore a seconda di quale ritieni più vicina al tuo modello di business e alla tua situazione attuale per avere in poco tempo una serie di contenuti che miglioreranno l’autorevolezza del tuo brand, la sua percezione da parte dei clienti e il tasso di conversione delle tue attività di marketing organiche e a pagamento.

Valerio

Valerio

Freelance specializzato in copywriting, SEO e grande appassionato di marketing, advertising e automation. Negli ultimi anni ha seguito diversi progetti per i suoi clienti e a livello personale. Ama studiare ed evolvere il suo pensiero per riuscire a trovare le migliori soluzioni possibili per sviluppare strategie digitali che portino traffico e vendite ai siti web.

Condividi l'articolo!

Iscriviti alla newsletter!

Hai letto il: