UGCI

Accessori per UGC Creator: la lista completa di tutto ciò che hai bisogno per creare contenuti

I giusti strumenti sono fondamentali per la realizzazione di contenuti di valore: scopri tutti gli accessori per UGC Creator che non posso proprio mancare.
Indice

Come avrai già letto in alcuni articoli sul nostro sito web, l’UGC Creator è una professione in forte ascesa in Italia. 

Moltissime aziende, grandi brand e piccole realtà locali decidono di affidarsi a questo tipo di contenuto in quanto risulta più autentico e vicino al consumatore finale, aumentandone il tasso di coinvolgimento e conversione.

D’altro canto, la parola stessa che identifica il tipo di contenuto rende la professione dell’UGC creator accessibile a chiunque abbia un po’ di dimestichezza con il montaggio video, l’editing e le principali piattaforme di diffusione dei contenuti online.

Il termine UGC identifica infatti un contenuto generato dagli utenti (è l’acronimo di User Generated Content) e non riguarda i video che vengono creati con finalità promozionali e di advertising da parte delle aziende, ma quelli realizzati dalle persone comuni come noi in modo semi – professionale.

Il termine semi – professionale ti fa quindi capire subito che sebbene si tratti di contenuti abbastanza amatoriali, devono comunque essere creati con il fine di essere fruibili. Le persone ormai sono abituate alla qualità video di Netflix e ad audio molto chiari. 

Per questo motivo se desideri diventare un UGC content creator dovrai avere a disposizione l’attrezzatura adatta che ti permetta di realizzare contenuti con una buona qualità e in questo articolo cercheremo di fornirti alcuni consigli a riguardo dei dispositivi e degli accessori che dovresti avere nella tua cassetta degli attrezzi del creatore di User Generated Content.

Lo smartphone per realizzare video in buona qualità

Se decidi di lavorare principalmente con i contenuti di breve durata per Instagram e Tik Tok, uno smartphone con un’ottima fotocamera è il minimo indispensabile.

Esistono diversi modelli con prezzi accessibili per tutte le tasche. L’importante è considerare attentamente la qualità di registrazione del video e la risoluzione della fotocamera, che normalmente viene espressa in megapixel.

Fai sempre molta attenzione alle trovate di marketing dei produttori: gli smartphone con 200 MP di risoluzione costano molto, ma non sempre sono i migliori. Tale valore è infatti ottenuto sommando la risoluzione delle 3 o 4 fotocamere che vengono montate che di conseguenza fa lievitare il prezzo.

Se sei alla ricerca di un buono smartphone, i migliori che ti suggeriamo sono il Redmi Note 12 Pro della Xiaomi se desideri rimanere su una fascia di prezzo leggermente più bassa. Sempre di Xiaomi sono altrettanto validi il Redmi Note 11 Pro e il 12T Pro.

Salendo di fascia troviamo il Huawei P50 PRO, il nuovo smartphone distribuito da Google denominato Pixel 7 (molto consigliato per la sua fotocamera) e il Realme GT 2 Pro.

Se invece non badi a spese e vuoi avere il top di gamma presente oggi sul mercato, ti suggeriamo di virare decisamente su un iPhone 14 con la sua fotocamera principale che conta 48 MP o un S23 Ultra della Samsung.

Come hai visto, la spesa media va da un minimo di circa 300 – 400 € ad un massimo di 1.400 €.

La scelta tra Android o iOS è totalmente soggettiva: se hai un Mac per il montaggio video (parleremo della questione PC più avanti) è meglio iPhone, se lavori con Windows meglio Android.

La fotocamera professionale

La questione si fa leggermente più dispendiosa nel caso invece decida di lavorare per creare video su Youtube. In questo caso uno smartphone è più che sufficiente, anche se è comunque consigliato acquistare una reflex professionale per migliorare la qualità delle riprese.

Una reflex è una macchina fotografica professionale che ti permette normalmente di avere una risoluzione per la ripresa che è superiore ai 20 MP. Le migliori in circolazione arrivano anche a 33 MP, come ad esempio la M6 Mark II della Canon.

Inoltre ti permettono sempre di fare le riprese in 4k, di avere uno stabilizzatore dell’immagine integrato che ottimizza subito tutti i fotogrammi che giri, offrono anche lo schermo LCD orientabile in modo da avere un feedback in tempo reale di ciò che stai riprendendo (molto utile nel caso sia tu il protagonista dell’UGC) e hanno un input dedicato al microfono esterno da integrare.

Qui la spesa si alza leggermente, anche se è comunque possibile acquistare un buon dispositivo per poco più di 600€.

Ad esempio, se non vuoi spendere molto in fase iniziale, potresti optare per una Sony ZV – 1 oppure per una Canon EOS M50 Mark II.

Se invece desideri subito avere il top di gamma, quelle che ti garantiscono una maggior risoluzione sono la Panasonic Lumix GH6, Fujifilm X-S10 o la stessa EOS M6 Mark II citata in precedenza.

Questo può essere un acquisto da fare anche in un secondo momento della tua carriera, magari quando dovrai avere un’attrezzatura maggiormente professionale per la creazione dei contenuti direttamente presso la sede del tuo cliente.

Il microfono Lavalier: un classico intramontabile, comodo ed efficiente

Superata la questione video, passiamo alla ripresa dei segnali audio. Un buon smartphone, che come detto in precedenza è sempre il punto di partenza, offre una discreta qualità di ripresa del segnale audio, anche se comunque è consigliato acquistare almeno un microfono lavalier.

Si tratta del comune microfono denominato “a pulce”, per intenderci lo stesso che vedi molto spesso posizionato sulla giacca dei conduttori televisivi. 

Il suo costo è variabile, anche se con meno di 50€ potrai acquistare un comodo microfono wireless da collegare direttamente al tuo smartphone con apposita centralina per la trasmissione del segnale.

Alternativa efficace per ridurre i costi è quella di acquistare un lavalier a filo, anche inficerà la comodità che viene offerta dal wireless.

Consiglio personale: essendo la spesa abbastanza irrisoria, ti suggeriamo di puntare decisamente sul wireless che potrà così diventare il tuo fedele compagno di avventure per tutti i tuoi video.

Il microfono per il vlog: indispensabile nel caso si tratti di podcast o video su Youtube

Se invece desideri una soluzione maggiormente adatta alla creazione di video recensioni di prodotti e servizi che prevedono dimostrazioni tramite la registrazione del tuo schermo, un microfono vlog è la scelta ideale.

Hai mai visto quei canali Youtube dove vengono pubblicati video che offrono tutorial e demo di programmi e software? In quei casi viene registrato lo schermo di chi parla e il suo volto compare in una sezione nell’angolo in basso.

Avrai anche notato che è presente un microfono simile a quelli che vengono utilizzati nelle radio: ecco, questo è il microfono vlog ed è perfetto per questo tipo di contenuti.

Anche qui il costo è molto accessibile e potrai acquistare un buon prodotto anche per poco più di 60€.

Cavalletto per smartphone e fotocamera: quale scegliere?

Bisogna anche ricordarsi che quando si fanno le riprese, come avrai già intuito, non possiamo di certo rimanere con il telefono in mano come quando si creano delle storie su Instagram sul proprio profilo privato.

Inoltre devi considerare che essendo un UGC non è quasi mai previsto che ci sia qualcuno che si occupi delle riprese al posto tuo. Devi quindi essere in grado di avere un cavalletto che possa rendere stabile il tuo smartphone o la tua fotocamera, evitando oscillazioni che comprometterebbero molto la qualità del tuo video.

Se hai acquistato una ring light, normalmente è presente un apposito sostegno per la tua fotocamera o il tuo smartphone.

Al contrario, se desideri invece posizionare il tuo dispositivo lontano dalla ring light, un treppiedi è la scelta ideale. 

Nel caso dello smartphone, potrai acquistare un buon treppiedi per circa 25 €, mentre se parliamo di fotocamera il prezzo lievita leggermente fino a sfiorare i 50 €.

In alcuni casi potresti anche pensare all’acquisto di un selfie stick per le riprese nel caso ti occupassi di creare contenuti all’esterno per il settore dei viaggi e dell’hotellerie.

Inoltre ti segnaliamo che esistono in commercio anche i gorillapod, appositi treppiedi ideati appositamente per i travel blogger che desiderano immortalare panorami ed esperienze ancorando il proprio dispositivo ad un albero, allo specchietto di un veicolo, al manubrio della bicicletta oppure ad un palo della luce ad esempio.

Il Ring Light: lo strumento perfetto per i video dove sei tu il protagonista

Ora che abbiamo capito anche come effettuare delle riprese del segnale audio semi – professionali, è importante comprendere che i video non possono essere realizzati sempre con la luce naturale.

Questo perché potresti trovarti a girare in casa, dove la luce potrebbe provenire da una finestra e rendere difficoltosa la ripresa, o magari in una stanza leggermente buia.

In questo caso, sia che utilizzi una reflex o uno smartphone, dovresti avere sempre a disposizione una Ring Light. 

Funziona tramite un semplice led a forma circolare e moltissimi modelli permettono di regolare l’intensità del fascio di luce e la sua colorazione, in modo da poter decidere se avere un’ambiente più “freddo” o “caldo” a seconda delle tue esigenze.

Il suo costo è variabile a seconda del modello che sceglierai, con prezzi che oscillano tra i 30 e i 100 €.

Se sei tu il protagonista dell’UGC e desideri creare un settaggio ottimale, una ring light che ti permette di fissare nel suo cavalletto il tuo smartphone o la tua fotocamera è la scelta ideale.

Le luci per gli ambienti: l’importanza della Luce COB

La situazione cambia se devi effettuare delle riprese professionali presso la sede del tuo cliente e quando devi catturare immagini di ambienti ed elementi dove non sei tu il protagonista.

In questo caso dovresti creare un mini set cinematografico apposito e sfruttare l’illuminazione di due luci COB a led.

COB è l’acronico di Chip On Board e indica una luce a led che ha i cip nella striscia laterale, in modo che il pannello luminoso che genera il fascio di luce sia uniforme.

Hanno normalmente la forma di un piccolo pannello quadrato e se vuoi avere a disposizione un’attrezzatura professionale ti consigliamo di acquistare un led COB da 200W e uno meno potente da circa 60W, in modo da avere sempre la strumentazione adatta per ogni tipo di ambiente.

A seconda della marca, del modello e della potenza, potresti spendere una cifra variabile tra i 40 e gli 80€.

Il pc per il montaggio e l’editing dei video

Penultimo dispositivo che dovrà far parte della tua cassetta degli attrezzi dell’UGC creator è il pc che ti permetterà di montare i video (ed editare la ripresa audio) che crei per la consegna al cliente o la pubblicazione sui tuoi canali.

Un montaggio accattivante, i sottotitoli (utili in alcuni casi), delle piccole grafiche che rendano il contenuto più fruibile e non solo: con il pc avrai accesso ad una serie di strumenti e software indispensabili per un UGC Creator.

Qui non esistono dispositivi maggiormente adatti a questa professione, in quanto vengono prodotti da diverse case con specifiche hardware che si adattano a molti lavori.

Il suggerimento che ti diamo, nel caso decidessi di acquistare un portatile con sistema operativo Windows, è quello di scegliere un pc che abbia un processore Intel 5 (o AMD Ryzen 1000) di ultima generazione (meglio ancora se I7), un hard disk di 1TB, 8GB di Ram (meglio ancora se 16 GB) e almeno un SSD da 128 GB per l’installazione del sistema operativo che garantirà il massimo della velocità.

In alternativa, se desideri spendere di più ed avere un dispositivo più professionale da dedicare interamente al tuo lavoro, un McBook Air da 13” o un McBook Pro (sempre da 13”) sono la scelta migliore che ti suggeriamo di fare nel caso avessi più budget a disposizione. Le prestazioni giustificheranno il tuo investimento nel corso del tempo.

Lo zaino per UGC Creator

Ultimo accessorio, fondamentale nel caso effettuassi riprese al di fuori dell’ambiente domestico, è lo zaino adatto a contenere tutto il materiale e i dispositivi che hai acquistato quando ti muovi per recarti dal cliente.

In questo caso dovrai considerare le dimensioni (espresse normalmente in litri) che dovranno far sì che possa contenere il pc, la fotocamera e tutti i tuoi accessori. Inoltre accertati della sua robustezza, della comodità delle spalline e del livello di resistenza agli urti.

Questi elementi faranno in modo che la tua attrezzatura possa avere il suo specifico spazio all’interno dello zaino e al contempo sia maggiormente protetta da urti accidentali durante il tuo percorso.

Anche qui la spesa non è di certo esorbitante: esistono zaini molto validi che vengono venduti con prezzo di partenza di circa 40€.

Ora che hai compreso quale sia l’attrezzatura di cui avrai bisogno, non ti resta che armarti di buona volontà ed iniziare ad integrarla nel tuo arsenale. 

Consiglio finale: se non hai budget a sufficienza per acquistare tutto in un solo fiato, non ti preoccupare. Inizia con gli strumenti indispensabili per partire e creare i primi contenuti, dopo di che una volta che avrai trovato un maggior numero di clienti ed aumentato le tariffe potrai implementare tutti gli accessori di cui hai bisogno per migliorare ulteriormente la qualità del tuo lavoro.

Valerio

Valerio

Freelance specializzato in copywriting, SEO e grande appassionato di marketing, advertising e automation. Negli ultimi anni ha seguito diversi progetti per i suoi clienti e a livello personale. Ama studiare ed evolvere il suo pensiero per riuscire a trovare le migliori soluzioni possibili per sviluppare strategie digitali che portino traffico e vendite ai siti web.

Condividi l'articolo!

Iscriviti alla newsletter!

Hai letto il: